Acquisizione della cittadinanza croata

La cittadinanza croata può essere acquisita in basi legali: per origine, per nascita nel territorio della Repubblica di Croazia, per naturalizzazione e per accordi internazionali. Ciascuno di quelle basi legali verrà spiegato più dettagliatamente avanti in questo articolo. Prego di prendere a conoscenza che al momento della stesura di questo articolo l’attuale legge sulla materia in oggetto è la Legge sulla cittadinanza croata (Gazzetta ufficiale 53/91, 70/91, 28/92, 113/93, 4/94, 130/11, 110/15 e 102/ 19), entrata in vigore il 1 gennaio 2020.

 

Acquisizione della cittadinanza croata per origine

La cittadinanza croata si acquisisce per origine da parte di:

  • bambino
    • di cui entrambi i genitori erano cittadini croati al momento della sua nascita;
    • di cui uno dei genitori era cittadino croato al momento della sua nascita, a condizione che il bambino sia nato nella Repubblica di Croazia;
    • di cittadinanza straniera o apolide adottato da cittadini croati secondo le disposizioni di una legge speciale;
  • una persona nata all’estero il cui uno dei genitori era cittadino croato al momento della sua nascita
    • se si iscrive presso la Rappresentanza diplomatica o consolare della Repubblica di Croazia all’estero o presso l’ufficio del registro della Repubblica di Croazia fino a 21 anni di età per essere registrato come cittadino croato.
    • una persona di età superiore ai 21 anni se presenta domanda di iscrizione nel registro dei cittadini croati entro due anni dalla data di entrata in vigore della Legge sulla cittadinanza croata, a condizione che il Ministero dell’Interno abbia preventivamente accertato l’assenza di ostacoli di sicurezza all’acquisizione della cittadinanza croata (che la stessa persona non costituisce una minaccia per la sicurezza dello stato, l’ordine pubblico, ecc.).
    • una persona di età superiore ai 21 anni se sarebbe altrimenti apolide.

Questa base per l’acquisizione della cittadinanza croata crea la maggior confusione nella pratica perché si interpreta spesso che chiunque il cui genitore era cittadino croato al momento della sua nascita (anche in base alla normativa precedente in vigore prima dell’entrata in vigore della Legge sulla cittadinanza croata) ha diritto a cittadinanza croata. Tuttavia, ciò non corrisponde allo stato reale e una tale interpretazione di questa base di acquisizione della cittadinanza croata violerebbe la normativa precedente. Pertanto, questa base si applica solo all’acquisizione della cittadinanza croata da parte delle persone nate dopo l’8 ottobre 1991, quando è entrata in vigore la Legge sulla cittadinanza croata.

 

Acquisto della cittadinanza croata per nascita nel territorio della Repubblica di Croazia

Per nascita nel territorio della Repubblica di Croazia, un bambino nato o trovato nel territorio della Repubblica di Croazia acquisisce la cittadinanza della Repubblica di Croazia se:

  • entrambi i suoi genitori sono sconosciuti; o
  • di cittadinanza sconosciuta; o
  • sono apolidi.

Per quanto riguarda la base di acquisizione della cittadinanza croata in oggetto, è importante notare che il bambino perde la cittadinanza croata se all’età di quattordici anni di vita viene stabilito che entrambi i genitori sono cittadini stranieri.

 

Acquisizione della cittadinanza croata per naturalizzazione

Per naturalizzazione, la cittadinanza croata può essere acquisita:

  • sulla base della residenza straniero che ha presentato la richiesta dell’ammissione alla cittadinanza croata se:
    • ha compiuto 18 anni;
    • ha un rilascio dalla cittadinanza straniera / prova che riceverà un rilascio se sarà ammesso alla cittadinanza croata (si presume se si tratta di una persona che ha perso la cittadinanza o la perderà per naturalizzazione secondo le leggi dello stato di cui è un cittadino). Se uno stato straniero non consente il rilascio o per esso pone le condizioni che non possono essere soddisfatte, sarà sufficiente una dichiarazione del richiedente di rinunciare alla cittadinanza straniera se acquisisce la cittadinanza croata.;
    • vive nella Repubblica di Croazia con residenza registrata per un periodo continuativo di 8 anni fino alla presentazione della richiesta e lo status di straniero con residenza permanente nella Repubblica di Croazia;
    • conosce la lingua croata e l’alfabeto latino, la cultura e l’organizzazione sociale croata (non si applica alle persone di età superiore ai 60 anni);
    • rispetta l’ordinamento giuridico della Repubblica di Croazia e ha pagato i dovuti benefici pubblici e non esistono ostacoli di sicurezza per la sua ammissione alla cittadinanza croata.
  • sulla base di nascita di una persona che era nata e vive nel territorio della Repubblica di Croazia con una residenza permanente approvata se:
    • ha compiuto 18 anni di età;
    • ha il rilascio dalla cittadinanza straniera / prova che riceverà il rilascio se è ammesso alla cittadinanza croata;
    • rispetta l’ordinamento giuridico della Repubblica di Croazia e ha pagato i benefici pubblici dovuti e non esistono ostacoli di sicurezza per la sua ammissione alla cittadinanza croata.
  • sulla base del matrimonio di una persona sposata con un cittadino croato che:
    • ha la residenza permanente autorizzata e risiede nel territorio della Repubblica di Croazia
    • rispetta l’ordinamento giuridico della Repubblica di Croazia e ha pagato i dovuti benefici pubblici e non esistono ostacoli di sicurezza per la sua ammissione alla cittadinanza croata.
  • sulla base di emigrazione l’emigrante e i suoi discendenti, e i loro coniugi se:
    • ha compiuto i 18 anni;
    • rispetta l’ordinamento giuridico della Repubblica di Croazia e ha pagato i dovuti benefici pubblici e non esistono ostacoli di sicurezza per la sua ammissione alla cittadinanza croata.

Un emigrante è una persona che è emigrata dal territorio della Repubblica di Croazia prima dell’ 8 ottobre 1991 con l’intenzione di vivere permanentemente all’estero, ma non se è emigrata in virtù di un accordo internazionale o è emigrata in altri stati dell’ex RSFI o è emigrata dal territorio della Repubblica di Croazia e non aveva l’ex cittadinanza repubblicana croata / patria nel territorio della Repubblica di Croazia.

  • uno straniero di cui ammissione alla cittadinanza croata sarebbe di interesse per la Repubblica di Croazia e il suo coniuge se:
    • rispetta l’ordinamento giuridico della Repubblica di Croazia e ha pagato i dovuti benefici pubblici e non esistono ostacoli di sicurezza per la sua ammissione alla cittadinanza croata.
  • un bambino minorenne se:
    • entrambi i genitori acquisiscono la cittadinanza per nazionalizzazione, o uno solo dei genitori ma il bambino risiede nella Repubblica di Croazia e ha una residenza permanente autorizzata; o
    • un genitore acquisisce la cittadinanza per naturalizzazione sulla base dell’emigrazione o per appartenenza al popolo croato; o
    • un genitore acquisisce la cittadinanza per naturalizzazione e l’altro è apolide o di cittadinanza sconosciuta, e il figlio risiede all’estero.

La richiesta viene presentata da uno dei genitori con il consenso scritto dell’altro genitore o del tutore del minore, salvo casi eccezionali.

  • sulla base della riammissione alla cittadinanza croata se si tratta di un cittadino croato che ha chiesto ed ottenuto la liberazione dalla cittadinanza croata al fine di acquisire un’altra cittadinanza al fine di svolgere qualsiasi vocazione o attività, il tutto nel rispetto dei presupposti per lo svolgimento della stessa dallo Stato di cui si acquisisce la cittadinanza.
  • sulla base dell’appartenenza al popolo croato se l’acquirente rispetta l’ordinamento giuridico della Repubblica di Croazia e ha pagato i benefici pubblici dovuti e non esistono ostacoli di sicurezza per la sua ammissione alla cittadinanza croata.

 

Oltre ad acquisire la cittadinanza croata secondo le condizioni e i presupposti di cui sopra, in alcuni casi è possibile avviare la procedura di determinazione della cittadinanza croata.

Determinazione della cittadinanza croata

Si considera cittadino croato:

  • una persona che ha acquistato questo bene secondo le norme valide fino al giorno dell’entrata in vigore della Legge sulla cittadinanza croata.

Tale disposizione fa riferimento al principio di continuità della cittadinanza croata, in base al quale si svolge la procedura di determinazione della cittadinanza croata ai fini della successiva iscrizione nel registro dei cittadini della Repubblica di Croazia. In questa procedura si applicano le norme sulla cittadinanza in vigore al momento della nascita del richiedente, ovvero le norme federali e repubblicane che erano in vigore nella Repubblica di Croazia mentre faceva parte dell’ex RSFI.

  • un membro del popolo croato che non ha la cittadinanza croata il giorno dell’entrata in vigore della presente legge e che ha la residenza anagrafica nella Repubblica di Croazia il giorno in questione, a condizione che dia una dichiarazione scritta di essere considerato cittadino croato;
  • una persona iscritta nel registro della cittadinanza nel periodo dal 1 marzo 1978 all’ 8 ottobre 1991 che è in possesso di un documento pubblico comprovante la cittadinanza croata;
  • una persona nata nel periodo dall’ 8 gennaio 1977 all’ 8 ottobre 1991, di cui, al momento della nascita, entrambi i genitori avevano la cittadinanza croata, ma a cui seconda cittadinanza è stata iscritta nel registro (o/e atti) di cittadinanza, se presenta domanda per determinare la cittadinanza croata entro il 31 dicembre 2021.

 

Se hai bisogno di consulenza legale dettagliata sulle possibilità di acquisire la cittadinanza croata, contattami con fiducia.